giovedì 2 aprile 2020

"La ballata del tempo a ritroso" di Salvatore Violante: una perfetta osmosi tra arte e poesia


Nella lunga e intensa attività artistica e creativa, ci si adopera sovente a ricercare nuove e originali forme espressive che in qualche modo possano ribadire e valorizzare ulteriormente la propria impronta, la propria esperienza nel mondo variegato dell'arte e della letteratura. È proprio questo il caso di Salvatore Violante, poeta, saggista e critico rinomato non solo nella sua Terzigno e nel vesuviano, dove abita e svolge la sua intensa attività letteraria, ma sicuramente in ambito nazionale se non internazionale. Ma parliamo soprattutto della sua poesia: una poesia che incide e sferza, a volte denuncia, a volte dice con ironia, ma sempre traendo spunto dal subbuglio interiore che tende a manifestarsi esternamente ricreando con la materia oscura e fermentante l'opera d'arte poetica genuina e giusta nella sua eticità: così come dal magma vulcanico, che è alla base comune dello stare suo e di tanti altri artisti del medesimo luogo, ne può sortire una costruzione nuovamente fertile, positiva e illuminata. La terra, il Vesuvio, l'anima che rinasce, che deve rinascere dalle ceneri delle negatività, dalle indigenze e dalle ingiustizie, è la base di partenza del suo discorso poetico, che le accoglie e le traduce in versi il cui ritmo richiama quello delle antiche e sacre tradizioni popolari, un valore inestimabile arduo da considerare e da trattare in poesia.
In questo volumetto davvero originale, intitolato "La ballata del tempo a ritroso", Salvatore Violante dedica 9 poesie ad un periodo particolare del suo trascorso lavorativo e artistico, riproponendo lacerti, ricordi, riflessioni, storie ambientate nelle località abruzzesi dove il nostro poeta ha vissuto e operato. Ma l'originalità e la preziosità di questa nuova opera artistica e letteraria, consiste soprattutto nella veste tipografica e, cosa ancora più importante, nell'integrazione pittorica del Maestro Luigi Franzese: un altro valente e noto artista conterraneo di Salvatore Violante, anch'egli molto attivo e impegnato nel campo della pittura, particolarmente apprezzato per le sue opere che richiamano il Vesuvio e la relativa metafora del magma ricreante e rinnovante. Il libretto di Salvatore Violante è infatti arricchito da altrettante 9 tavole pittoriche di Luigi Franzese, una per ogni poesia, ed è stato realizzato a forma di pieghevole, stampato e pubblicato da IL LABORATORIO/le edizioni di Nola, in 100 esemplari numerati contenuti in una semplice ma artistica custodia di cartone. Una breve ma intensa ed esplicativa nota critica di Mimmo Grasso completa e valorizza ulteriormente questo interessante e gradevolissimo libretto.
Nel ringraziare dunque Salvatore Violante per averci donato la possibilità di gustare insieme i suoi versi e le opere di Luigi Franzese, e augurandogli sempre maggiori e meritati successi in campo letterario e poetico, proponiamo qui di seguito un breve estratto dalla raccolta "La ballata del tempo a ritroso", affinché gli amici che ci leggono possano aggiungere altri eventuali graditi commenti.




2.

Ricordo le campagne elettorali:
a Pesche: case sbattute come sassi alla parete
o a Carpinone alta col castello
che dominava d'ombra i sottostanti.
In quelle case c'era gente mite:
e scagliavano sassi per paura
dicevano di noi una bestemmia,
ladri di roba, ladri d'intenzioni.
Erano donne d'ogni condizione
e vecchi maschi in piedi sul bastone.


4.

Quell'anno a Isernia organizzai una mostra
nello slargo dinanzi alla stazione.
M'ero industriato
a dare vita in foto a quel contado, e
a quel pugno di case in pietra strette
con lastre di lavagna a far da tetto,
ai loro amici. Ai muli.


7.

Dieci chilometri… poi la risalita
di nuovo la vecchina sopra le ossa:
tornava dall'argilla di quell'orto:
al braccio fave e stenti e la fatica,
per la capra.
Guardavo con sorpresa, il risalire
di lei senza nessuna percezione.


Salvatore Violante è nato nel 1943 a Boscotrecase, vive ed opera a Terzigno (Na). Ha pubblicato diversi libri e saggi su riviste e antologie. Ha collaborato con: Il giornale di Napoli, La voce della Campania, Dossier Sud. Attualmente collabora con articoli, racconti e saggi con Il Gazzettino Vesuviano, Secondo Tempo e Il Vesuviano.
Tra i numerosi libri di poesia ricordiamo: Moti e Terremoti (L'Arzanà – Il Piombino, 1984); Punto e a capo (Marcus Edizioni, 2007); Sulle tracce dell'uomo (Marcus Edizioni, 2009); La meccanica delle pietre nere (Ediz. CFR, 2013); Itinerario di versi diversi (Pagine, 2013); la raccolta bilingue Enchanted Anguish (Gradiva Publications, 2017).




1 commento:

  1. Grazie Peppe, amico mio: per la tua generosa lettura. Io stento sempre a prendere troppo sul serio le note degli amici poeti perchè non so mai fino a che punto siano condizionati dall'affetto amicale, specialmente in tempo di covid 19. Forse per questo ho apprezzato moltissimo quella di Linguaglossa che non conosco di persona.

    RispondiElimina

Alda Merini vista da Ninnj Di Stefano Busà

PUNTO, Almanacco della poesia italiana

PUNTO SCHEDA

Notizie dal mondo della Poesia