sabato 29 febbraio 2020

Silvia Bove: Poesie di assoluzione e altri inediti


Silvia Bove, poetessa romana molto apprezzata, autrice di diversi testi come si evince nella nota biografica riportata in calce, manifesta la sua poesia attraverso testi brevi ma pregni di significato, come del resto accade sovente, in tante produzioni poetiche di pregio: l'essere capaci di sintetizzare il concetto, il nocciolo essenziale del dire senza dispersioni e senza divagare, è prerogativa di tanta buona poesia. E Silvia Bove rientra senz'altro in questa categoria. Ma la sintesi non deve penalizzare la profondità del discorso poetico, e Silvia Bove ne è consapevole, tanto che nei suoi testi, ovunque si vada a leggerli, traspare subito il moltiplicarsi dell'idea di base, come se da una matassa ben stretta ne venissero dipanati i molteplici fili; è il cuore che parla e va ben oltre il confine dei primi enunciati, fino a estenderli e a "risuonarli" per tutti.
Silvia Bove parte dalla conoscenza di se stessa e della terra a cui appartiene, terra non in senso geografico ma in senso naturale, determinando con i suoi versi una sorta di distacco, un tentativo di astrazione per ambire a luoghi e momenti più alti, forse più puri. Per questo, le poesie dell'assoluzione, ma anche in altri inediti, rimarcano un fervore particolare di libertà, di estraniamento, di genuinità al quale il corpo, legato alla materia, non sempre può aspirare: "Se, oltre questi luoghi di ristagno / lascio andare il mio corpo / una premonizione / d'amore mi porta lontana". L'assoluzione, o anche la redenzione, avviene mediante la parola poetica, una confessione intima ma anche testimonianza per gli altri, indicazione salvifica del percorso di realizzazione del proprio essere, che ognuno dovrebbe compiere. La poesia, come pure la poesia di Silvia Bove, così perentoria e illuminante, ha dunque anche questa funzione ontologica, traendo l'uomo dalle mere sorti di una quotidianità troppo spesso vassalla della materia, inconsapevole del cielo e dei puri sentimenti, come l'amore.
Nel proporre qui di seguito alcuni testi (editi e inediti) della nostra Autrice, invitiamo com'è consuetudine gli affezionati lettori ad esprimere ulteriori graditi commenti.




Chiaroveggenza

Se non penso mi accade
perfino la chiaroveggenza.

Se, oltre questi luoghi di ristagno
lascio andare il mio corpo

una premonizione
d’amore mi porta lontana.


***

Varco

L’anima mia selvaggia
porte spalanca e mie finestre
a ridere d’una donna che ondeggia
bambina e Circe. Chiede acqua
a lenire la rabbia, pane
a sedare astinenza, ad invocare
riposo un letto.


*** 

Ragione naturale

Piangono le poesie la dipartita
della natura, l’abbandono
di un candido pensiero.

Ci attardavamo bambini nei campi
usi all’inconsueto paghi e di questo
frementi, tu che tendevi le mani
ed io a raggiungerle, poi d’altalena
un cambio, e ancora tesi all’infinito
gioco di vita massimale mai
profanata: Nuova t’attendo
sul prato. Forse non è ragionevole

adesso raggiungermi?


***

Ad un’amica

Quando io ho te che mi riveli affreschi e
mi annunci le poesie che non conosco,
e m’offri quel mondo che è tuo

poi mio, poi nostro,

quando incompleta ti pensi, ma
sveli le tue vere parole,
tu non sai che il tuo intelletto in me

si riversa pieno, e mi nutri
come una vera madre
mai fu feconda.


***

Nei miei versi

Qui nei miei versi rovinosi accade
la Rivoluzione, l’incontro
fatale col mio volto.

Paradisi infantili e sogni orfani
qui, in attesa m’adagio in comoda
distesa e dichiaro le libertà.

In musica ricanto i miei
giorni, qui incontro l’anima
fedele dei miei amori, alzo il velo
e ne rischiaro i volti.

Qui sono madre e qui
non perdo, vinco certe verità,
Qui sono quella prediletta.

Ritaglio frazioni d’amore
e innalzo alti rituali.
Non soffro se mi accade Conoscenza.


(Testi tratti da "Poesie di assoluzione", Onyx Editrice, 2011)

La parola.


Non so dove vada la parola sgusciata
sembrerebbe restare quando è muta
e tu la dici per altro non dire.
Non so al contempo come fare a restare,
mia ondeggiata straripata e illusa.
Quali mani nel sesto giorno dovrò toccare.
Non so l’asfalto, necessita le mie memorie
a piombarmi infinita.
Non so infine quale bersaglio abusare perchè termini la notte,
sul confine.

(inedito, 2018).


***

La mezzaluna

Portando al mondo le mie  braccia
e le mie galere
ho una mezzaluna sulla testa
per essere stata io deviata
ad Oriente.
I miei cento poemi
li ho enunciati alla polvere
del tuo nome.
Così ad  infiammare la cortesia
del mio volto riarso, resuscitato
a volte il riso difende la
mia statura.
Nel riflesso del
vino non riconsegno
il tuo volto a Dio,
i tuoi baci inviolati.
Per render trono il mio racconto
di fiele, cerco un fiore,
che ribattezzi gli altri rei
che non si sono dati al tempo.

(inedito, 2018)


Silvia Bove è nata a Roma dove vive e lavora. Laureata in Antropologia Culturale presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza”, ha svolto attività di ricerca presso il Dipartimento di Studi Glottoantropologici della stessa Università.

Nel 2005 pubblica la sua prima raccolta Anima Sottile (Edizioni Graphisoft), cui segue Immaterialità, (Edizioni Graphisoft) nel 2007, con prefazione del poeta Vito Riviello.
Nel 2008 partecipa col gruppo “Le Donne della Stanza” alla silloge poetica SvolgiMenti, Ellegraphica, Gaeta.
Nel 2009 esce la plaquette Sette (Edizioni Signum, Milano) e partecipa all’opera della fotografa Vincenza Salvatore Portaits, ritratti foto-poetici. Sempre nel 2009 è corale protagonista del film Poeti, di Tony D’Angelo, presentato alla 66a Mostra del Cinema di Venezia nella sezione “Controcampo Italiano”.
Nel 2010 pubblica la plaquette Rapida ma floreale, (Edizioni Signum, Milano).
Nel febbraio 2011 esce la raccolta Poesie di assoluzione (Onyx Editrice), con postfazione del poeta Dante Maffia.
Nel 2018 esce la plaquette poetica Discreta la lontananza, edita da EscaMontage.
Sue poesie sono presenti in antologie poetiche, come ad esempio Poeti e Poesia curata da Elio Pecora; l’Isola dei Poeti, a cura di Francesca Farina e Roberto Piperno; Oltre la coltre del silenzio, con il movimento Poeti Viandanti; Il sole nero di Auschwitz, Editore Bertoni; e su riviste d’arte come EQUIPèCO.

Nessun commento:

Posta un commento

Alda Merini vista da Ninnj Di Stefano Busà

PUNTO, Almanacco della poesia italiana

PUNTO SCHEDA

Notizie dal mondo della Poesia